Vista verso i Monti Sibillini e Porta San Lorenzo (Foto Roberto Postacchini)

L'interno dell'ottocentesco Teatro delle Logge (Foto Roberto Postacchini)

Veduta aerea: lo sguardo abbraccia insieme il borgo, la vallata e il mare (Foto Matteo Orazi)
Santa Maria a piè di Chienti in una suggestiva veduta notturna (Foto Roberto Postacchini)
Veduta dei campi intorno Montecosaro (Foto Marcello Tramandoni)
Interno del Palazzo Comunale
Veduta aerea della campagna Maceratese fino ai Monti Sibillini (Foto Roberto Postacchini)
Veduta di Montecosaro (Foto Roberto Postacchini)
Santa Maria a piè di Chienti
San Domenico
Sant'Agostino
Teatro delle Logge

Arrivare a Montecosaro per la prima volta è come fare un tuffo nel passato, si è subito rapiti da pace e tranquillità che sembrano appartenere ad un’altra epoca, nelle marche in provincia di Macerata un piccolo Borgo mediovale ricco di storia e tradizione. Si entra in punta di piedi, quasi come una fiaba dimenticata e ci si innamora della bellezza dei portali, dei campanili, delle piccole finestre, i cortili, le piazzette e gli archi.

Montecosaro, un classico e antico paese posto su di una collina come vuole la tradizione marchigiana, con una vista che spazia a 360° in un susseguirsi di colline, campagne, fino al mare, tanto che nelle giornate limpide é possibile anche vedere il Parco del Conero, unica sporgenza sul mare Adriatico da Trieste al Gargano, dall’altro lato, il Parco dei Monti Sibillini, luogo di foreste e leggende.

Montecosaro recentemente è entrato a far parte del Club : “I Borghi più belli d’Italia”. Un grande riconoscimento che premia l’impegno nella valorizzazione del patrimonio storico-artistico e architettonico di Montecosaro.